Acquacoltura semintensiva

icona acquacoltura

Se in passato l’acquacoltura ha rappresentato una pratica alternativa alla pesca, l’acquacoltura moderna rappresenta, piuttosto, una vera e propria necessità produttiva.

L’acquacoltura semintensiva e una forma di allevamento che si pone in posizione intermedia tra la totale esclusione dell’intervento umano, che caratterizza l’allevamento in forma estensiva, e la successiva evoluzione verso la forma intensiva.

La disponibilità in natura degli alimenti viene integrata dall’esterno mediante la somministrazione di mangimi specifici, in grado di assicurare una dieta più completa e mirata all’accrescimento delle specie allevate. L’intervento umano può prevedere anche la concimazione delle acque, volta ad accrescere la disponibilità di alimenti naturali.

Acquacoltura semintensiva

Le superfici destinate all’allevamento sono generalmente rappresentate da vasche a terra, aree costiere, lagune o laghi. In Italia, si realizzano produzioni eccellenti per qualità di: spigole, cefali, orate, ombrine e saraghi.

Scopri