Il Pesce San Pietro, nome scientifico Zeus faber, è una specie di mare che vive su fondali sabbiosi, fangosi o rocciosi con gorgonie, solitamente tra i 50 e i 200 metri di profondità. Predilige una vita solitaria, sebbene talvolta sia possibile ritrovarlo in gruppi ristretti. È diffuso nelle acque temperate dell’Oceano Indiano, dell’Oceano Pacifico, dell’Oceano Atlantico orientale, dalla Norvegia al Sud Africa, del Mar Mediterraneo e del Mar Nero. È comune anche lungo le coste italiane, in particolare nell’adriatico (diffusione del Pesce San Pietro).

 

LE CARATTERISTICHE DEL PESCE SAN PIETRO

Il Pesce San Pietro è un pesce appartenente alla famiglia Zeidae. È un pesce dalle sembianze bizzarre, con una conformazione ovoidale, compressa ai fianchi, e occhi e bocca grandi. Ha una pinna dorsale con lunghi filamenti simili ad aculei, una pinna caudale ampia e trasparente, e le pinne ventrali che si aprono a ventaglio. Al centro del corpo presenta una grossa macchia nera, la cui particolarità ha dato spunto alle molteplici leggende che riguardano questa specie. La più nota, quella da cui il pesce prende il nome, narra che sia stato San Pietro in persona a catturare questo pesce con le mani, imprimendogli con il tocco delle dita un segno visibile e permanente. Il colore prevalente del pesce è biancastro con striature beige e brune. Il Pesce San Pietro può raggiungere una lunghezza massima di oltre 90 cm, ma è più comune trovarlo tra i 30 e i 40 cm (caratteristiche del Pesce San Pietro).

 

COME SI PESCA IL PESCE SAN PIETRO: CON ATTREZZI PER LA PESCA SUI FONDALI

Il Pesce San Pietro viene generalmente pescato con attrezzi di pesca professionale, come reti a strascico o palangari, ma può essere pescato facilmente anche con reti da posta (piccola pesca artigianale). Il Pesce San Pietro si pesca tutto l'anno, in particolare da gennaio ad aprile (pesca del Pesce San Pietro).

 

I VALORI NUTRIZIONALI DEL PESCE SAN PIETRO: CARNI AD ELEVATO CONTENUTO PROTEICO

Il Pesce San Pietro presenta carni magre e pregiate, ad elevato contenuto proteico. Una porzione da 100 g fornisce la quantità giornaliera raccomandata di acidi grassi polinsaturi omega-3 EPA e DHA, è ricca di minerali e vitamine ed apporta poco sodio, grassi saturi e colesterolo (valori nutrizionali del Pesce San Pietro).

 

QUANDO COMPRARE IL PESCE SAN PIETRO: MEGLIO NEI MESI ESTIVI ED AUTUNNALI

Il Pesce San Pietro si riproduce nei mesi invernali e primaverili, in particolare tra gennaio e giugno. In questi mesi dell’anno si raccomanda di non acquistarla. Meglio acquistarla nei mesi estivi e autunnali, da luglio ad ottobre, quando è comunque disponibile ed è fuori dal periodo di riproduzione. Riguardo al rischio specie, l’IUCN (Unione Mondiale per la Conservazione della Natura) dichiara che la specie non è soggetta a rischi imminenti, sia per la sua presunta distribuzione, sia perché non vi sarebbero evidenze di declino o minacce specifiche. (guida all’acquisto del Pesce San Pietro).

 

IL PESCE SAN PIETRO IN CUCINA: CARNI TENERE E COMPATTE

L’aspetto non gli rende onore. Eppure, le carni del Pesce San Pietro sono eccellenti, tra le più apprezzate. Saporito e tenero, il Pesce San Pietro è semplice da pulire, le sue lische sono poco numerose e facilmente individuabili data la grandezza. Il sapore ricco delle sue carne si presta a molte preparazioni: al Forno, in Umido, al Salto, Fritto (guida al consumo del Pesce San Pietro).

 

LE NOSTRE RICETTE CON IL PESCE SAN PIETRO

Scopri le nostre ricette con il Pesce San Pietro: San Pietro all'isolana

Scopri di più sul Pesce San Pietro con i contenuti delle nostre schede