Lago d'Iseo
Lago D'Iseo

È lo specchio d’acqua creato dal fiume Oglio e un tempo sulle rive si viveva di navigazione e sulle sue sponde sorgono i più prestigiosi cantieri nautici del mondo. I marinai sebini sanno il fatto loro e i pescatori pescano i gioielli del lago: trote e lucci sono i prediletti.

Esplora l'itinerario
X
sarnico
Sarnico

Sarnico è la cittadina costruita proprio nel punto in cui le acque del lago d’Iseo defluiscono dolcemente verso la pianura. La lunga tradizione nautica rende il nome di questa località conosciuto in tutto il mondo grazie al legame con i lussuosi motoscafi. 

Esplora l'itinerario
X
Lovere
Lovere

Situata sulla sponda occidentale del lago d’Iseo, è stata giustamente definita dalla scrittrice inglese Lady Wortley Montagu, che qui soggiornò a lungo, "il luogo più romantico che abbia mai visto". Dal 2003 è annoverato nel club de "I borghi più belli d’Italia".

Esplora l'itinerario
X
Monte Isola
Monte Isola

Andando per acque e pesca, tappa d’obbligo è l’isola lacustre più grande d’Europa: Monte Isola. Qui le auto sono bandite e si va solo a piedi, girovagando tra i dodici borghi di pescatori, dove la tradizione di essiccare sardine di lago si tramanda da generazioni.

Esplora l'itinerario
X
Sirmione
Sirmione

A colpire lo sguardo è l’armonia del Castello proteso nel lago. Tutto il borgo è attorno alle mura e si respira la compassata eleganza scandita dalle pietre delle case e dal profumo dei fiori. Proprio qui si trovano gli ultimi gondolini per la pesca di lavarelli, lucci, alose e tinche.

Esplora l'itinerario
X
Desenzano
Desenzano del Garda

A Desenzano il porto vecchio racconta dei banchi per la vendita del pesce sotto i loggiati. I pescatori sono ancora in attività e da tempo un incubatoio per la riproduzione dei coregoni dona nuova linfa alla pesca.

Esplora l'itinerario
X
Peschiera Del Garda
Peschiera del Garda

Qui riecheggiano storie di pesca e di navigazione, qui sono ormeggiati i gondolini - le barche da pesca a fondo piatto usate dai pescatori rivieraschi del Garda - e qui si trova il museo della pesca che racconta l’epoca in cui il vanto di ogni famiglia era avere un imbarcazione.

Esplora l'itinerario
X
Montichiari
Montichiari

Nel tour del gardese, è d'obbligo la sosta in quella che viene definita "lo scrigno d'arte del bresciano". Nella deliziosa cittadina, il visitatore trova il bianco marmo di Carrara che riveste il Duomo e il fiabesco castello Bonoris, romantica fortificazione di stampo ottocentesco.

Esplora l'itinerario
X

Il Triangolo d'oro

Pur priva del mare, la Lombardia estrae dalle sue sorgenti leggende, gastronomia, storia e arte.
C’è un itinerario definito il triangolo d’oro e che tocca Brescia, sfiora Bergamo e sconfina un po’ a Verona: qui nasce il primato mondiale del prezioso caviale italiano.
 
Seleziona uno degli hotspot sulla mappa per esplorare l’itinerario.

Lago d'Iseo
San pietro in Lamosa
San pietro in Lamosa

Insieme all'aria fresca, qui è possibile respirare l'arte attraverso gli affreschi del ramingo Lorenzo Lotto, artista d'altissimi ideali, il cui talento è stato riconosciuto solamente in tempi moderni.

X
Torbiere del Sebino
Torbiere del Sebino

In questo magica area palustre, a due passi dalla famosa Franciacorta, l'acqua e la terra celebrano il loro incontro in uno spettacolo cromatico di fulgida bellezza. Le specie di pesce qui sono numerose: tinche, scardole, pesci gatto, carassi e carpe, tra i principali.

X
Riserva naturale Piramidi di Zone
Riserva naturale Piramidi di Zone

Zone è detto anche il "paese delle Piramidi di erosione". Le enormi guglie di terra che sostengono grossi massi come fossero cappelli sono il risultato di un raro fenomeno di erosione che vanta pochi esemplari al mondo.

X
Lago D'Iseo

È lo specchio d’acqua creato dal fiume Oglio e un tempo sulle rive si viveva di navigazione e sulle sue sponde sorgono i più prestigiosi cantieri nautici del mondo. I marinai sebini sanno il fatto loro e i pescatori pescano i gioielli del lago: trote e lucci sono i prediletti.

Torna alla Mappa
Lago d'Iseo
San pietro in Lamosa
San pietro in Lamosa

Insieme all'aria fresca, qui è possibile respirare l'arte attraverso gli affreschi del ramingo Lorenzo Lotto, artista d'altissimi ideali, il cui talento è stato riconosciuto solamente in tempi moderni.

X
Torbiere del Sebino
Torbiere del Sebino

In questo magica area palustre, a due passi dalla famosa Franciacorta, l'acqua e la terra celebrano il loro incontro in uno spettacolo cromatico di fulgida bellezza. Le specie di pesce qui sono numerose: tinche, scardole, pesci gatto, carassi e carpe, tra i principali.

X
Riserva naturale Piramidi di Zone
Riserva naturale Piramidi di Zone

Zone è detto anche il "paese delle Piramidi di erosione". Le enormi guglie di terra che sostengono grossi massi come fossero cappelli sono il risultato di un raro fenomeno di erosione che vanta pochi esemplari al mondo.

X
Lago D'Iseo

È lo specchio d’acqua creato dal fiume Oglio e un tempo sulle rive si viveva di navigazione e sulle sue sponde sorgono i più prestigiosi cantieri nautici del mondo. I marinai sebini sanno il fatto loro e i pescatori pescano i gioielli del lago: trote e lucci sono i prediletti.

sarnico
Sarnico centro
Centro storico di Sarnico

Il centro antico di Sarnico è un groviglio di vicoli scalinate e piazzette, tra cui affiorano ancora i resti delle fortificazioni medioevali o si può ammirare l'influenza dello stile Liberty di inizio novecento.

X
Porto di Sarnico
Porto di Sarnico

Il porticciolo turistico di Sarnico, già sede di mercato in tempi antichi, è ora uno dei riferimenti per chi naviga il Lago di Iseo e il suo molo arricchisce la passeggiata del lungolago.

X
Sarnico

Sarnico è la cittadina costruita proprio nel punto in cui le acque del lago d’Iseo defluiscono dolcemente verso la pianura. La lunga tradizione nautica rende il nome di questa località conosciuto in tutto il mondo grazie al legame con i lussuosi motoscafi. 

Lovere
Lovere centro
Centro storico di Lovere

È stato inserito nel circuito dei Borghi più belli d'Italia: oltre alla passeggiata sul suo lungolago, l'atmosfera è caratterizzata dai vicoletti e dalle scalinate del centro storico, arricchite negli ultimi anni da diverse installazioni luminose.

X
Porto di Lovere
Porto di Lovere

L'attuale Porto Turistico di Lovere è di recente costruzione ed è uno dei principali del Lago d'Iseo per dimensione e per la posizione ideale, sia per godersi una gita sul lago, sia per visitare l'entroterra.  

X
Lovere

Situata sulla sponda occidentale del lago d’Iseo, è stata giustamente definita dalla scrittrice inglese Lady Wortley Montagu, che qui soggiornò a lungo, "il luogo più romantico che abbia mai visto". Dal 2003 è annoverato nel club de "I borghi più belli d’Italia".

Monte Isola
Peschiera Maraglio
Peschiera Maraglio

Il borgo principale è quello di Peschiera Maraglio, antica stazione di pesca del Lago d'Iseo fin dal Medioevo e ora importante località turistica per il suo profilo pittoresco adagiato tra i boschi delle colline alle sue spalle e il lago.

X
Porto Peschiera Maraglio
Porto Peschiera Maraglio

Uno dei porti più caratteristici di Monte Isola è sicuramente qui, a Peschiera Maraglio, dove le barche e l’antica pratica di essiccare le sardine di lago sono odi al passato e alla tradizione del luogo. Tra le altre prede più ambite ci sono i lavarelli e i pesci siluro.

X
Rocca di Martinengo
Rocca di Martinengo

Il castello, che si erge orgoglioso sopra il golfo di Sensole, é uno dei monumenti più caratteristici del posto. Fu fatto costruire dagli Oldofredi per poi essere acquistata dai Martinengo, aristocratici bresciani devoti alla Serenissima.

X
Santuario della Madonna della Ceriola
Santuario della Madonna della Ceriola

A Montisola sarebbe un peccato non salire fino a questo santuario, uno dei luoghi più panoramici di tutto il Lago d’Iseo, con una visione a 360° delle coste, delle montagne che lo circondano e delle dolci colline della Franciacorta.

X
Isola di Loreto
Isola di Loreto

Piccolo gioiello incastonato nelle acque del lago d'Iseo. Ora di proprietà privata e quindi non visitabile, si narra fosse un luogo d'incontro di pescatori, mercanti e pellegrini diretti al convento di clausura femminile annesso al santuario.

X
Isola di San Paolo
Isola di San Paolo

Sorella minore dell'Isola di Loreto e anch'essa di proprietà privata, venne così chiamata in onore dell'audace santo-navigatore San Paolo e a beneficio dell'identità rifugio che ottenne la località.

X
Monte Isola

Andando per acque e pesca, tappa d’obbligo è l’isola lacustre più grande d’Europa: Monte Isola. Qui le auto sono bandite e si va solo a piedi, girovagando tra i dodici borghi di pescatori, dove la tradizione di essiccare sardine di lago si tramanda da generazioni.

Sirmione
Sirmione
Centro di Sirmione

Sirmione ha origini antichissime risalenti all'età del Bronzo e gli antichi Romani amavano passarvi le vacanze. Fin dall'ingresso è possibile apprezzare le mura e il Castello Scaligero che introducono alla darsena e al borgo medievale.

X
Porto di Sirmione
Porto di Sirmione

L'antico Porto di Sirmione era protetto dal Castello Scaligero che ne controllava la darsena, tuttora accessibile. Oggi è questo il punto di partenza privilegiato per le escursioni lungo l'intera penisola su cui sorge la città e verso il Lago di Garda.

X
Castello Scaligero Sirmione
Castello scaligero

Con le sue tipiche merlature, fu costruito come protezione della parte inferiore del Lago di Garda. Si tratta di uno fra i più completi e meglio conservati castelli d'Italia e raro esempio di fortificazione lacustre.

X
Grotte di Catullo
Grotte di Catullo

Visitare Sirmione senza dare un’occhiata a questo complesso archeologico sarebbe un peccato imperdonabile, considerando che questo è il più rilevante esempio di villa romana presente sul territorio dell’Italia settentrionale risalente alla fine del I° secolo a.C e il I° secolo d.C.

X
Spiaggia Sirmione
Terme e spiaggia di Sirmione

Tappa obbligata ai piedi delle grotte di Catullo e per le proprietà delle sue acque ricche di zolfo, sodio, bromo e iodio. Qui vicino, l'ingegno di alcuni locali e un tubo di sfioro della terma hanno dato vita a una piccola vasca direttamente nel lago, nel famoso Lido delle Bionde.

X
Sirmione

A colpire lo sguardo è l’armonia del Castello proteso nel lago. Tutto il borgo è attorno alle mura e si respira la compassata eleganza scandita dalle pietre delle case e dal profumo dei fiori. Proprio qui si trovano gli ultimi gondolini per la pesca di lavarelli, lucci, alose e tinche.

Desenzano
Centro Desenzano
Centro Storico Desenzano

Il centro storico di Desenzano del Garda si estende dal vecchio porto e i portici circostanti fino alle spiagge adiacenti il borgo. I resti dell'antica Villa Romana e il vecchio Castello sono i punti di interesse principale tra le animate vie del centro.

X
Porto Desenzano del Garda
Porto di Desenzano del Garda

Il vecchio porto, sorto già nel XV secolo, è uno dei punti più pittoreschi del centro di Desenzano, circondato dai loggiati un tempo sede di intensi scambi commerciali. Il lungolago lo collega al nuovo porto che occupa una posizione di rilievo nel panorama della cittadina.

X
Castello di Desenzano
Castello di Desenzano

Elegante terrazza sul lago, il Castello offre una delle più belle viste panoramiche della zona. In passato, fu anche rifugio durante le scorrerie barbare: oggi è sede di importanti mostre ed eventi.

X
Desenzano del Garda

A Desenzano il porto vecchio racconta dei banchi per la vendita del pesce sotto i loggiati. I pescatori sono ancora in attività e da tempo un incubatoio per la riproduzione dei coregoni dona nuova linfa alla pesca.

Peschiera Del Garda
Peschiera del Garda centro
Centro Storico Peschiera del Garda

Questo borgo lacustre è affacciato sulla sponda sud del Lago di Garda, in un percorso che vede il Mincio accarezzare le mura della Fortezza, i suoi bastioni e le imponenti porte d’accesso. Molto pittoreschi i canali e i ponti che attraversano il centro storico.

X
Porticciolo Peschiera del Garda
Porto Peschiera del Garda

La tradizione di pesca e navigazione di Peschiera è raccontata dai gondolini - piccole barche da pesca a fondo piatto usate dai pescatori rivieraschi del Garda - e custodita nel locale Museo della pesca e delle tradizioni lacustri.

X
Fortezza Peschiera del Garda
Fortezza

Le mura difensive veneziane di Peschiera meritano sicuramente un'attenzione particolare, come la forma peculiare della fortezza e la sua posizione: collocata in mezzo alle acque del fiume Mincio, si erge pentagonale con un bastione per ogni vertice.

X
Abitato romano di Arilica
Abitato romano di Arilica (sito archeologico)

Venuto casualmente alla luce nel 1974, l'antico sito permette di immergersi nella storia romana della località lacustre. Nell'impianto è possibile osservare le fondamenta dei muri in ciottolo e quelli che sono i resti della pavimentazione a mosaico battuto.

X
Peschiera del Garda canale
Museo della pesca e delle tradizioni lacustri

Per avere contezza delle tradizioni di pesca dei laghi lombardo-veneti, una tappa d’obbligo è senza dubbio al Museo della pesca e delle tradizioni lacustri. Il museo racconta attraverso foto, filmati, oggetti e plastici tutta la storia della pesca lacustre. 

X
Peschiera del Garda

Qui riecheggiano storie di pesca e di navigazione, qui sono ormeggiati i gondolini - le barche da pesca a fondo piatto usate dai pescatori rivieraschi del Garda - e qui si trova il museo della pesca che racconta l’epoca in cui il vanto di ogni famiglia era avere un imbarcazione.

Montichiari
Castello Bonoris
Castello Bonoris

Nell'intento di creare la propria dimora secondo un suggestivo ideale medievale, il nobile Gaetano Bonoris riuscì nell'impresa dell'adattamento della favola alla realtà. La fortezza è il risultato del connubio tra il gusto del suo ambizioso ideatore e l'ambiente circostante.

X
Pieve di San Pancrazio
Pieve di San Pancrazio

La Pieve medievale è luogo di pace e raccoglimento. Proprio qui avviene il famoso "Miracolo della Luce" ovvero il raggio solare che, durante l'equinozio, trafigge la finestra centrale dell'abside e genera una croce in uno dei due tabernacoli.

X
Storione allevamento
L'allevamento dello storione: Agroittica lombarda

A Calvisano, l’economia circolare ante litteram ha generato un primato economico mondiale dell’Italia: qui si produce il 13% del caviale mondiale e gli italiani sono i più bravi al mondo. A dire che l’Italia è ancora la terra, grazie anche alle sue acque, del possibile Rinascimento.

X
Montichiari

Nel tour del gardese, è d'obbligo la sosta in quella che viene definita "lo scrigno d'arte del bresciano". Nella deliziosa cittadina, il visitatore trova il bianco marmo di Carrara che riveste il Duomo e il fiabesco castello Bonoris, romantica fortificazione di stampo ottocentesco.

Torna alla Mappa
Nessuna vetrina disponibile
X
Nessuna vetrina disponibile
X