Il Luccio di mare, nome scientifico Sphyraena sphyraena, è una specie di mare pelagica che vive solitamente vicino alla costa e nei pressi di fondi sabbiosi, fino a 100 metri di profondità. È una specie molto simile al Barracuda mediterraneo, che invece vive più al largo. Vive in piccoli gruppi nelle acque superficiali in età giovanile. Da adulto, il Luccio marino diventa più solitario. È diffuso nelle acque dell’Oceano Atlantico Occidentale, dell’Oceano Atlantico Orientale, dal golfo di Guascogna all'Angola, del Mar Mediterraneo e del Mar Nero. È presente anche lungo le coste italiane, in particolare quelle del Mar Adriatico (diffusione del Luccio di mare).

 

LE CARATTERISTICHE DEL LUCCIO DI MARE

Il Luccio di mare è un pesce appartenente al genere Sphyraena. Estremamente simile al Barracuda mediterraneo (Boccagialla), presenta un corpo affusolato a forma di siluro con muso appuntito. La bocca è grande, provvista di denti conici. La mascella inferiore risulta prominente rispetto a quella superiore. Di colorazione variabile dal verde bruno al bluastro, ha fianchi più chiari con riflessi argentei e la parte ventrale biancastra. Si distingue dal Barracuda Boccagialla per la livrea priva di striature azzurre oblique sui fianchi e la taglia, decisamente inferiore. Il Luccio di mare ha una lunghezza media di 60 cm  (caratteristiche del Luccio di mare).

 

COME SI PESCA IL LUCCIO DI MARE

Il Luccio di mare viene generalmente pescato con reti a strascico, ma può essere pescato facilmente anche con ami e reti da posta (piccola pesca artigianale). Il Luccio di mare si pesca tutto l’anno, in particolare da aprile a settembre (pesca del Luccio di mare).

 

QUANDO COMPRARE IL LUCCIO DI MARE: DA GENNAIO A LUGLIO

Il Luccio di mare si riproduce in autunno, da ottobre e dicembre. In questi mesi dell’anno si raccomanda di non acquistarlo. Meglio acquistarlo nei restanti mesi dell’anno, in particolare da gennaio a luglio, quando è comunque disponibile ed è fuori dal periodo di riproduzione. Riguardo al rischio specie, l’IUCN (Unione Mondiale per la Conservazione della Natura) dichiara che la specie non è soggetta a rischi imminenti, sia per la sua presunta distribuzione, sia perché non vi sarebbero evidenze di declino o minacce specifiche (guida all’acquisto del Luccio di mare).

 

IL LUCCIO DI MARE IN CUCINA: IDEALI AL FORNO O ARROSTO

Il Luccio di mare ha carni bianche, tenere, saporite e con poche spine. Nonostante questo, è una specie che ancora non suscita un grande interesse sui nostri mercati, dove compare poco frequentemente. Le sue carni si prestano alle seguenti preparazioni: arrosto, al forno, in umido, al salto (guida al consumo del Luccio di mare).

 

LE NOSTRE RICETTE CON IL LUCCIO DI MARE

Scopri le nostre ricette con il Luccio di mare: Luccio di mare al Cannonau

Scopri di più sul Luccio di mare con i contenuti delle nostre schede