Il Tonnetto striato: il pesce cosmopolita

Il Tonnetto Striato, nome scientifico Katsuwonus pelamis, è una specie di mare pelagica, che raramente si avvicina alle coste. Gregario e migratorio per natura, vive in banchi molto numerosi, spesso composti da migliaia di individui. Nel corso della sua vita compie migrazioni di migliaia di chilometri lungo le coste dei diversi Oceani. È diffuso nelle acque temperate dell’Oceano Indiano, dell’Oceano Pacifico, dell’Oceano Atlantico orientale, dalla Scandinavia al Sud Africa, e del Mar Mediterraneo. Piuttosto raro in tutte le acque del Mediterraneo, è difficile trovarlo lungo le coste italiane (diffusione del Tonnetto Striato).

 

LE CARATTERISTICHE DEL TONNETTO STRIATO

Il Tonnetto Striato è un pesce appartenente alla famiglia Scombridae. Simile al Tonnetto Alletterato, da cui si distingue decisamente per la forma più panciuta, presenta una colorazione caratteristica. La sua livrea è di colore blu acciaio sul dorso e bianco madreperlaceo sul ventre, con 4-7 caratteristiche linee scure orizzontali che lo contraddistinguono. Il nome della specie deriva proprio dalle sue particolari striature longitudinali. Il Tonnetto Striato ha una lunghezza media di 80 cm di lunghezza per un peso di circa 20 kg (caratteristiche del Tonnetto Striato).

 

COME SI PESCA IL TONNETTO STRIATO: CON RETI A CIRCUIZIONE E PALANGARI

Il Tonnetto Striato viene generalmente pescato con palangari e reti a circuizione, ma può essere pescato facilmente anche con ami e reti da posta (piccola pesca artigianale). Il Tonnetto Striato si pesca da giugno a settembre (pesca del Tonnetto Striato).

 

I VALORI NUTRIZIONALI DEL TONNETTO STRIATO: ELEVATO CONTENUTO PROTEICO

Il Tonnetto Striato ha carni con un elevato contenuto proteico. Il tenore lipidico è variabile con la taglia del pesce e la localizzazione del tessuto. Elevato l’apporto di acidi grassi polinsaturi omega-3 a lunga catena. Ottima fonte di vitamina A, niacina, vitamina B12, fosforo e selenio. Bassi livelli di sodio (valori nutrizionali del Tonnetto Striato).

 

QUANDO COMPRARE IL TONNETTO STRIATO: DA AGOSTO A SETTEMBRE

Il Tonnetto Striato si riproduce nei mesi primaverili ed estivi, in particolare tra aprile e settembre. In ragione della stagionalità di pesca, tra giugno e settembre, si raccomanda di acquistarla negli ultimi mesi del periodo riproduttivo, da agosto a settembre. Riguardo al rischio specie, l’IUCN (Unione Mondiale per la Conservazione della Natura) dichiara che la specie non è soggetta a rischi imminenti, sia per la sua presunta distribuzione, sia perché non vi sarebbero evidenze di declino o minacce specifiche (guida all’acquisto del Tonnetto Striato).

 

IL TONNETTO STRIATO IN CUCINA: IDEALI AL FORNO O ARROSTO

Il Tonnetto Striato, assieme al Tonno Pinna gialla, è il tonno più pescato e utilizzato a livello mondiale per la produzione di conserve di tonno (tonno in scatola), sebbene in Italia sia prevalente il ricorso alla specie Pinna Gialla. Nonostante le sue carni siano raramente commercializzate fresche, perché meno nobili rispetto a quelle degli altri tonni (tonno rosso, alalunga, alletterato e pinna gialla), queste si presentano comunque magre e gustose. Si presta a molte preparazioni: arrosto, al forno, in umido, bollito, marinato, crudo, sott'olio (guida al consumo del Tonnetto Striato).

 

LE NOSTRE RICETTE CON IL TONNETTO STRIATO

Scopri le nostre ricette con il Tonnetto Striato: Rigatoni al quasi tonno

Scopri di più sul Tonnetto Striato con i contenuti delle nostre schede